A cena da dj Tech!


Un appartamento pieno di oggetti per la cucina, per fare la birra, colmo di vinili e con due gatti bellissimi: ecco il benvenuto di djTech per una cena in compagnia.
Un ragazzo da sposare da quanto bravo è in cucina e che ti conquista con un paio di presine a forma di vinile, anche se giustamente mi ha fatto notare che al loro posto si usano sempre le maniche lunghe delle felpe a partire da questa stagione. 
Sono rimasta molto colpita dalla quantità industriale di radici di zenzero nel frigo, con cui si fa un'ottimo infuso insieme al limone per proteggere lo stomaco. Sapete cosa mi ha consigliato di fare con lo zenzero? Di metterlo nel soffritto e state tranquilli che alla prima occasione non mancherò di provarlo!


Ad ogni modo è stata davvero una serata piacevolissima, intrattenuti anche dalla mitica birra prodotta da djTech. Negli ultimi sei anni ne ha prodotte di tutti i tipi: dalle semplici lager, alla weizen doppio malto "che stende", fino alle stout al caffè o alla liquirizia. A fine serata abbiamo assaggiato una rossa del 2013 che ha tenuto benissimo, una birra quasi da meditazione!


Bando alle ciance e via di ricette, ecco cosa ci ha preparato con le sue mani:

SPAGHETTI CON MAZZANCOLLE, COZZE E BRANDY

Le quantità ve le fate voi, in proporzione 2/3 mazzancolle e 1/3 cozze (per i veneti "peoci"), pomodorini, aglio, olio al peperoncino, prezzemolo tritato. 
Le cozze lavate e pulite si mettono ad aprire in una pentola con olio, peperoncino e aglio.
Le mazzancolle, prese già senza testa dal pescivendolo,  si mettono in una padella con aglio, olio piccante, prezzemolo tritato. A metà è stato aggiunto mezzo bicchiere di brandy per poi flambare il tutto.
I pomodorini sono stati lavati, tagliati e messi su un passino con sale fino per far perdere loro l'acqua, sciacquati e verso la fine aggiunti al guazzetto di mazzancolle e cozze. Cucinate un po' di spaghetti al dente e spadellate all'interno del guazzetto!


ORATA AI PROFUMI DI LIME E TIMO

Si prendono dei filetti di orata, delle zucchine rotonde per fare il fondo della teglia, timo, due fettine di lime da mettere sopra ad ogni filetto.
In una pirofila rivestita con carta forno si crea la base con le zucchine tagliate a fette rotonde, sopra si adagiano i filetti di orata. In cima ai filetti si mettono due fettine di lime e insieme a del timo fresco. Si crea un cartoccio con la carta forno e si lascia il tutto in un forno statico già preriscaldato a 180 gradi per 20 minuti. Si sala e si pepa a piacere a fine cottura!
Due ricette semplici ma ricche di profumi e sapori intensi, bravo Tech!


Durante la serata non si è parlato solo di cibo e birra, anzi! Tech ci ha deliziati con tanta buona musica e ci ha raccontato della sua passione da giovanissimo per i Guns N'Roses, passando per i Mudvayne e i Tool, ammiccando all'ultimo album di Beyoncé e mostrandoci una prima edizione originale di At Last! di Etta James.
Come musicisti da seguire ci ha dato due nomi: Travis Scott e Andeerson Paak, che non vede l'ora di vedere dal vivo in Italia.
Tra le tante cose ci ha parlato anche dei progetti futuri, infatti sta lavorando su un EP di 5 o 6 pezzi di scratch, ha voglia di tornare a scratchare e noi non possiamo che aspettare con ansia l'uscita!
Spero questo sia il primo di tanti post su menu e ricette fatti per noi da artisti che amiamo! 

Grazie Tech!

djTech in poche righe: 
Suona da quando ha 14 anni, quando scroccava la consolle che metteva a disposizione il pomeriggio un negozio di abbigliamento di Mestre.
Nel 2001 ha fondato i ROCKETfaders e negli anni ha collaborato con tantissimi mc e band, giusto per citarne alcuni: Mezen, Ledo, Matley, Herman Medrano & the Groovy Monkeys. Negli anni ha dato vita ad un suo nuovo personaggio da consolle, ovvero Stardustfresher, cercando di portare lo scratch in più ambienti musicali e dal 2012 fonda insieme ad altri DJ ed MC il collettivo di SOULRIOT, crew veneziana che promuove serate e live di black music a 360°.
Si definisce così: “Sono un dj che non guarda la pista durante le serate ma che ascolta solo se stesso”.

Nessun commento:

Posta un commento