La terra dei cachi!

Partiamo dal presupposto che io non sono nessuno per poter criticare chi fa musica, anche se ho un po' di esperienza nel campo e tanta passione.
Che dire di Sanremo? A parte che su molti social media ho visto che è talmente famoso che metà delle persone non sanno che si scrive tutto attaccato…
Tutti ne parlano e io la prima serata l'ho pure guardato, non troppo eh! Sai com'è,
è sempre IL festival della canzone italiana e quindi era quasi un dovere darci uno sguardo per capire chi e cosa si muove in questo ipotetico mercato guidato da una giuria di dove in prima file a giudicare troviamo lo stesso Fazio e Mauro Pagani. Onestamente il risultato che ho visto lascia proprio a desiderare, anche artisti che ho sempre amato mi hanno lasciato a bocca asciutta. Non farò né classifiche né nomi, dico solo che il livello di mediocrità artistica è arrivato a scadere nella insufficienza. Sono sicura che in Italia ci siano tantissimi artisti bravi e che hanno tanto da dire. L'unico obiettivo che posso consigliare a chi fa buona musica è: andate avanti per la vostra strada e fate buon uso di due parole, autoimprenditorialità (le case discografiche nella vecchia accezione non funzionano più) e Internazionalizzazione (cercate di muovervi verso l'estero).

In bocca al lupo a tutti e ricordiamoci che nella botte piccola c'è il vino buono!

lacla

Nessun commento:

Posta un commento